logo

Fattorie-didattiche-banner-home

centro-Cia

Logo dimensione-agricoltura home

Notizie Brevi

    Intervento del presidente Cia Toscana Luca Brunelli sul piano paesaggistico

    paesaggi-toscano«Troppi divieti su Piano paesaggistico, sui nuovi vigneti e non solo. Se non è quello che la Regione Toscana vuole basta cambiare il Piano»

    «Ci fa piacere leggere, nelle dichiarazioni del presidente Enrico Rossi e degli assessori competenti, che la Regione Toscana non vuole vietare i nuovi vigneti. Ne prendiamo atto con soddisfazione. Tuttavia nel Piano i divieti per i nuovi vigneti ci sono, eccome; così come ci sono per il florovivaismo, l'ortofrutticoltura, l'agricoltura intensiva in genere. Altrimenti di cosa parla il Piano quando usa termini come "limitare", "contrastare", "ostacolare" "evitare"? Una cosa è tener conto, nello sviluppo del settore, delle possibili criticità in particolari condizioni, altro conto è il freno generalizzato ed immotivato a qualsiasi trasformazione del paesaggio agrario.

    Scadenze Agrarie e adempimenti fiscali di settembre 2014

    scadenziario ciaScadenziario di Settembre.

    Nella sezione scadenze si possono scaricare le scadenze agrarie e gli adempimenti fiscali dei mesi precedenti

    CIA - Banca Monte dei Paschi, siglata la nuova convenzione.

    monte-dei-paschi-di-sienaRoma - Nei giorni scorsi il Presidente Scanavino, ha sottoscritto un nuovo accordo tra la Confederazione Italiana Agricoltori e Banca Monte dei Paschi di Siena. La nuova intesa siglata per sostenere il comparto agroalimentare, propone un'offerta di prodotti e condizioni vantaggiose per le imprese associate alle Confederazione. Oltre ai servizi tradizionali, come il credito agrario di conduzione e anticipo contributi pubblici, trovano posto interventi mirati per specifici settori quali lattiero-caseario e vitivinicolo, senza tuttavia tralasciare gli investimenti per il fotovoltaico e l'acquisto di macchinari.

    Toscana, con questo Piano paesaggistico rischio di abbandono delle campagne. In pericolo vigneti e florovivaismo

    abbandono-campagneLa Cia Toscana conferma il giudizio e ribadisce la richiesta di modifiche sostanziali

    Il presidente Cia Toscana Brunelli annuncia un dossier dettagliato: «Il nostro lavoro capillare conferma le preoccupazioni espresse a giugno. Emergono visioni contraddittorie tra i diversi documenti; domina la sindrome della conservazione dell'esistente»

    Vino: positiva possibilità di aumento alcolometrico in stagione complicata in Toscana

    vino versareLa Cia commenta la decisione della Regione Toscana sulla possibilità di aumento del titolo alcolometrico naturale

    In una stagione climatica complicata per i vigneti toscani, a causa delle piogge intense e prolungate e del conseguente anticipo della fase vegetativa della vite (favorendo lo sviluppo di malattie funginee), la Cia Toscana commenta positivamente l'autorizzazione decisa dalla Regione Toscana sulla possibilità di Aumento del titolo alcolometrico naturale – per la vendemmia 2014 - per i prodotti destinati a diventare vini, vini Igp (indicazione geografica protetta) e vini Dop (indicazione geografica protetta). E' una pratica utilizzata in condizioni del genere – aggiunge la Cia Toscana – che permetterà ai nostri vitivinicoltori di produrre vini di qualità.

    Riapertura caccia in Toscana: bene deroga storno e piccione, ma ricordiamoci anche di cinghiali e ungulati, vero flagello campagne

    cacciaIl commento della Cia Toscana alla riapertura della stagione venatoria per il 1° settembre

    La Cia ricorda che cinghiali ed ungulati sono raddoppiati nell'ultimo decennio: servono politiche urgenti per limitare piaga che colpisce aziende agricole dell'intero territorio regionale

    Positiva la preapertura della caccia in Toscana stabilita per il 1 settembre, che in deroga prevede anche la caccia allo storno e al piccione, ma non scordiamoci del vero flagello delle nostre campagne, l'emergenza cinghiali ed ungulati. Lo sottolinea la Cia Toscana dopo che la giunta regionale ha deliberato la preapertura consentendo l'attività venatoria "da appostamento", con orario dalle 6 alle ore 19 (ora legale).

    Scarti agricoli, con il “sì” alla bruciatura si supera norma sbagliata

    La soddisfazione della Cia Toscana che vede così premiato il proprio impegno

    La norma metteva sullo stesso piano lo smaltimento delle potature agricole e la combustione illegale dei rifiuti tossici

    Dal 1° settembre 2014 in Toscana sarà possibile bruciare gli scarti agricoli, come le potature di viti ed olivi. Viene finalmente risolto questo problema – commenta la Cia Toscana -, grazie ad una modifica del testo del Decreto competitività. È consentito l’abbruciamento – spiega la Cia - dei residui agricoli in piccoli cumuli ed in quantità non superiori ai 3 metri ‘steri’ al giorno. Resta il divieto di abbruciamento nel periodo a rischio incendi che, per la Toscana, scadrà appunto il 31 agosto.

    FINALMENTE RISOLTO IL PROBLEMA DELL’ABBRUCIAMENTO DELLE POTATURE.

    ALTRE NOVITÀ PER L’AGRICOLTURA NEL DECRETO COMPETITIVITÀ

    Entra in vigore dal 21 Agosto, la Legge n. 116, il  Decreto competitività. Molte le novità per l’agricoltura: dalle semplificazioni nel settore vitivinicolo, al registro unico dei controlli, alle norme sul lavoro agricolo. Due le novità immediatamente operative:

    Scadenze Agrarie e adempimenti fiscali di agosto 2014

    scadenziario ciaScadenziario di Agosto.

    Nella sezione scadenze si possono scaricare le scadenze agrarie e gli adempimenti fiscali dei mesi precedenti

    La scomparsa di Giuseppe Politi: sognava l'unità del mondo agricolo

    Giuseppe-PolitiIl cordoglio della Cia-Confederazione italiana agricoltori nelle parole del Presidente nazionale dell'organizzazione Dino Scanavino

    "Con Giuseppe Politi perdiamo un uomo che ha segnato in maniera tangibile l'agricoltura italiana ed europea degli ultimi dieci anni. Aveva un sogno, realizzare l'unità della rappresentanza agricola nel nostro Paese. La Confederazione tutta, dirigenti, funzionari ed iscritti, piange una grande persona, un grande Presidente e per me un grande amico". Con queste parole, l'attuale presidente nazionale della Cia-Confederazione italiana agricoltori, Dino Scanavino, dà notizia della prematura scomparsa di Giuseppe Politi. Nato a San Pietro in Lama nel 1950, Politi è stato Presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori dal 2004 al febbraio del 2014. "Il suo è stato un impegno costante e incisivo teso a tutelare i redditi degli agricoltori, a valorizzare il ruolo dell'impresa agricola nel contesto economico e produttivo, ma anche far crescere il settore e con esso l'intero sistema agroalimentare.

    Altri articoli...

    News da Turismo Verde Toscana

    Confederazione italiana agricoltori Toscana (Cia Toscana) - Via Iacopo Nardi 41 - 50132 Firenze -  PEC: ciatoscana@cia.legalmail.it -  C.F.: 80040970487


    Copyright © 2010 - webmaster - designer : AR-Grafiche di Andrea Raspanti
    Apertura de cuenta bet365.es